Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/162


giù la pioggia si lagna,
in alto è un mar di nuvoli serrati
e qui dentro una lugubre
calma, e qui tutto tace
come in vòta dimora;
non risa, o canto, o fremito
di scossa onda sonora;
è dei chiostri la pace.

Pace d’anime stanche e di languenti
fibre, domate al fervido
martellar dell’affanno,
che più lottar non sanno
ma sdegnano i lamenti;
pace d’antico tumulo
abbandonato e infranto
su cui l’ortica crebbe;
desolato silenzio
cui men triste sarebbe
uno scoppio di pianto.