Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/153



          Voi più non turbano,
          o morti, l’ire
          terrene, e il plauso
          più non v’accende;
ma certo ancora una pietà vi prende
          guardando a noi;
     
          a noi che in tenebre
          smarriti, gli occhi
          tendiamo e l’avida
          tremante mano
a voi, da voi sempre aspettando invano
          un cenno, un raggio.
     
          Ecco, io non cantici
          levo, alla festa
          non fiori e lauri
          reco o bandiera:
strette le mani in atto di preghiera
          guardo nell’alto