Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/137


 
Una voce, che certo,
rotta da le procelle,
non attinse le stelle,
clamava nel deserto:

— O Signor, dalle pure
immensità, consola
noi d’una tua parola;
sana in noi, creature