Pagina:Aganoor - Leggenda eterna, Torino, Roux, 1903.djvu/100


 
Dicono l’erbe nove,
dicon le siepi di virgulti piene:
— Questa, che incerto move
lo stanco passo e sospirando viene,

certo smarrì la traccia;
non sai che qui s’appresta
la portentosa festa
d’Aprile, o donna dalla smorta faccia?