Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/41


la felicitá e le virtú intellettuali 35

eccellenti e fine degli altri abiti umani; e son quelli mediante li quali l’uomo è uomo e di piú eccellenzia che nissuno altro animale.

Sofia. Quanti e quali sono questi abiti degli atti intellettuali?

Filone. Dico che son cinque: arte, prudenzia, intelletto, scienzia e sapienzia.

Sofia. In che modo le diffinisci?

Filone. L’arte è abito de le cose da farsi secondo la ragione; e son quelle che si fanno con le mani e con opera corporale; e in quest’arte s’intercludeno tutte l’arti meccaniche, ne le quali s’adopera l’instrumento corporale. La prudenzia è abito degli atti agibili secondo la ragione, e consiste ne l’opera de’ buoni costumi umani; e in questa s’interclude tutte le virtú che s’operano mediante la volontá e gli effetti volontari d’amore e desiderio. L’intelletto del quale [abito] è principio di sapere; quali abiti son conosciuti e concessi da tutti naturalmente, quando li vocabuli sono intesi: come è quello che ’l bene si debbe procurare e il male fuggire e che li contrari non possono stare insieme e altri simili, ne’ quali la potenzia intellettiva s’opera nel suo primo essere. La scienzia è abito de la cognizione e conclusione, qual si genera de li sopradetti principi: e in questa s’interclude le sette arti liberali, nella quale s’opera l’intelletto nel mezzo del suo essere. La sapienzia è abito di tutte due insieme, che è di principio e di conclusione di tutte le cose che hanno essere. Questa sola arriva al conoscimento piú alto de le cose spirituali; e li greci la chiamano teologia, che vuol dire scienzia divina; e chiamasi prima filosofia, per essere capo di tutte le scienzie; e il nostro intelletto s’opera in questa nel suo ultimo e piú perfetto essere.

Sofia. La felicitá in quale di questi due abiti veri consiste?

Filone. Manifesto è che non consiste in arte né in cose artificiali, che piú presto levano la felicitá che la procaccino; ma consiste la beatitudine negli altri abiti, gli atti de’ quali s’includeno in virtú o sapienzia, ne le quali veramente la felicitá consiste.