Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/401


POESIE EBRAICHE

(versione letterale)


I

ELEGIA SOPRA IL DESTINO

del saggio don Jehudah Abarbanel

[1504]


Il destino colpí il mio cuore con aguzzo dardo,
   e dilaniò le mie reni dentro di me:
mi ferí, e la ferita sua è incurabile, —
   mi avvilí, e rese eterna la mia angoscia;
mi abbatté e fiaccò la mia carne,
   e il dolore divorò il mio sangue e il mio adipe.
Spezzò tutte le mie giunture nella sua collera,
   si alzò e si levò contro di me come un leone.
5E non basta che mi contorse come un turbante,
   e mi fece fuggiasco e bandito nel fior della mia giovinezza,
e come un mercenario mi costrinse a vagare per il mondo,
   e fino agli estremi confini della terra mi fece errare: —
ed ecco questo è per me quasi il ventesimo anno
   che non riposarono il mio cavallo e i miei carri.
Il suo palmo misurò le acque e il suolo di tutte le terre,
   e i suoi artifici distrussero la mia primavera.
Allontanò l’amico da me e scacciò i figli dell’etá mia,
   mandò lontana la gente che mi era prossima: