Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/241


ccome dio possa amare le creature 235

de la qual crescono le creature per l’amor di Dio a loro, ne gode e se n’allegra (se allegrar si può dire) la divinitá, e in questo la somma sua perfezione piú riluce (come giá t’ho detto); e però dice il psalmo: «Iddio s’allegra con le cose che fece». E questo augumento di perfezione e gaudio ne la divinitá non è in esso Dio assolutamente, ma solamente per relazione a sue creature: onde (come t’ho dichiarato) non mostra in lui assolutamente alcuna natura di mancamento, ma solamente il mostra nel suo essere relativo, respetto di sue creature. Questa perfezione relativa in Dio è il fine del suo amore ne l’universo e in ciascuna de le sue parti, ed è quella con la quale la somma perfezione d’Iddio è sommamente piena: e questo è il fine de l’amor divino e l’amato da Dio, per il quale ogni cosa produce, ogni cosa sostiene, ogni cosa governa e ogni cosa muove; ed essendo in essa semplicissima divinitá necessariamente principio e fine, amante e amato, questo è piú divino de la divinitá, come ogni amato del suo amante esser suole.

Sofia. Questo mi piace, e ben son satisfatta de la precedenzia de l’amante a l’amato ne la produzione de l’amore, e questo mi basta per la prima dimanda che t’ho fatta, se l’amor nacque, cioè se è genito d’altrui o ingenito: ch’io veggo oramai manifestamente che l’amore è prodotto e genito de l’amato e de l’amante, come di padre e madre. Vorrei che mi satisfacessi cosí de la seconda dimanda mia, cioè quando prima nacque l’amore: se forse è ab eterno prodotto, ovvero genito d’amati e amanti eterni, ovvero fu in qualche tempo prodotto, e se questo fu in principio de la creazione, o ver di poi, e in qual tempo.

Filone. Questa tua seconda dimanda non è poco difficile e dubiosa.

Sofia. Che ti fa porre in questa piú dubio che ne la prima?

Filone. Però che il primo amore agli uomini manifesto è quel divino, per il quale il mondo fu da Dio produtto; e quel pare che sia l’amor che prima nacque. Essendo adunque dubioso appresso gli uomini di molti migliara d’anni in qua il quando fussi prodotto il mondo, resta dubioso il quando nacque esso amore.