Pagina:Abrabanel, Juda ben Isaac – Dialoghi d'amore, 1929 – BEIC 1855777.djvu/161


l’amore negli enti spirituali 155

stelle fisse, quando si congiungono con quelle, massimamente se son de le grandi e lucide, cioè de la prima grandezza o de la seconda, e hanno odio a quelle stelle fisse che sono di natura contraria a loro. Ora mi pare che io t’abbia degli amori e degli odi celesti detto tanto che basti per questo nostro parlamento.

Sofia. Ho inteso assai copiosamente degli amori celestiali. Ora vorrei sapere, o Filone, se quelli spiriti, ovvero intelletti spirituali celesti, sono ancora essi, come tutte l’altre creature corporali, legati da l’amore; o veramente se, per essere separati da materia, sono sciolti dagli amorosi legami.

Filone. Ancora che l’amore si trovi ne le cose corporali e materiali, non però è proprio di quelle; anzi, si come l’essere, la vita e l’intelletto e ogni altra perfezione, bontá e bellezza depende dagli spirituali e deriva dagl’immateriali ne’ materiali, in modo che tutte queste eccellenzie prima si truovano negli spirituali che ne’ corporali. Cosi l’amore prima e piú essenzialmente si truova nel mondo intellettuale, e da quello nel corporeo depende.

Sofia. Dimmi la ragione.

Filone. Ne hai tu forse qualcuna in contrario?

Sofia. Questa v’è pronta: che tu m’hai mostrato che l’amore è desiderio d’unione, e chi desidera gli manca quello che desidera, e il mancamento negli spirituali non è, anzi è proprio de la materia; e perciò in loro non si debbe trovare amore. Ancora, perché i materiali, come imperfetti, sogliono desiderare di unirsi con li spirituali, che sono perfetti; ma li perfetti come possono desiderare d’unirsi con gl’imperfetti?

Filone. Li spirituali s’hanno amore non solamente l’uno l’altro, ma ancora essi amano i corporali e materiali; e quello che tu dici, che l’amore dice desiderio e che ’l desiderio dice mancamento, è vero: ma non è inconveniente che, essendo negli spiriti ordini di perfezioni, che l’uno sia piú perfetto de l’altro e di piú chiara e sublime essenzia, che l’inferiore, che è da manco, ami il superiore e desideri unirsi con lui. Onde tutti amano principalmente e sommamente il sommo e perfetto