Apri il menu principale
172 lirici marinisti

VI

IL RITORNO ALLA PROPRIA TERRA

     Varcato ho mari adusti e freddi, ho visto
del franco regnatore e de l’ibero
province immense, e del romano Impero,
e parte ancor de l’ottomano acquisto.
     Ho dimorato ove il potere ha misto
sacro e profano il successor di Piero;
ma di smarrir desio, guardo e pensiero
in tante vastitadi alfin ravvisto,
     fermato ho il piè dove dal ciel il freno
regger de la Sabazia è a me concesso,
che giunge al mare e ha cinque laghi in seno.
     Angusto spazio ai nominati appresso;
ma il debito in che nacqui adempio appieno
verso i popoli miei, verso me stesso.