Apri il menu principale
154 lirici marinisti

IV

PALLORE GRADITO

     Pallidetta mia vita,
il minio cangerei
col tuo pallor, cosí leggiadra sei.
Pallido il volto bramo,
vermiglio giá non l’amo;
questo è color di sdegno,
quel di pietade è segno:
anzi, segno è ’l pallore
di chi, d’amor ferita, e langue e more.