Apri il menu principale

g. f. maia materdona 117

XXIV

I BACI DELLA DONNA MUTA

     Quand’io ti bacio, allora,
muta bocca amorosa,
muta bocca odorosa,
intendo la cagion perché tu taci:
nascesti solo a mormorar co’ baci.