Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. II, 1920 – BEIC 1928827.djvu/8


II

Si duole di star in contado e fuori di Perugia.

É1 mi rincresce si lo star di fuore
dai mura de colei, ch’ogni ben mostra,
ch’io con Tristan ne prendi ria la giostra,
4sol per veder gli occhiucce ner’co’ more
di quel furel, che m’ha’nvolato el core,
e tiènlosi in pregion dentro ai suoi chiostra;
ond’io so’certo ch’a me molto costra
8prima ch’io de pregion nel cave fòre.
El gran diletto, ch’io abbo in contado,
si è d’odir cantar rane e saleppe,
11e le lueerte correr per le greppe.
E tu in Pròsa ha’ el ciamprolino e ’I dado,
a la taverna, colle borse ceppe;
14ed io in essa m’artrovo di rado.
Molto divisa Tesser mio dal vostro;
saluta ’l ciamprolin, ch’usa col nostro

III

Celebra l’iniziale del nome di Trebaldino, per amor di lui.

Io son del «ti» si forte innamorato,
per ch’è principio de liggiadro nome;
sonne piti vago, ch’el fanciul di pome,
4tra letter’e vocali ch’io l’ho chiosato
e, per piú onor, de perle fegurato,
per piagere a colui, de cui io Tòme
suo servidor de quel, ch’io posso, come
8colui, ch’aspetta d’esser meritato.
Solo una grazia t’addomando, Amore:
fa’ch’io non péra sotto’l tuo pennello,
11però che vi Siria gran disinore,
sed io morisse d’un picciol quadrello;
da puoi che tu m’hai messo in tanto errore,
14fa’ch’io non mòra nel tempo, che gello.