Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu/173


xvi - folgore di san giminiano 167

XX

Venerdí.

Ed ogni venerdí gran caccia e forte:
veltri, bracchetti, mastin e stivori,
e bosco basso miglia di staiori,
4lá, ’ve si troven molte bestie accorte,
che possano veder cacciando scorte;
e rampognar insieme i cacciatori,
cornando a caccia presa i cornatori:
8ed allor vegnan molte bestie morte.
E po’ ricoglier i cani e la gente,
e dicer: — L’atnor meo manda a cotale.
11— A le guagncle, sera bel presente!
— E’ par ch’i nostri cani avesser ale!
— Tè’ tè’, Belluccia, Picciuolo c Serpente,
14ché oggi è ’l di de la caccia reale!

XXI

Sabato.

E M sabato diletto ed allegrezza
in uccellar e volar di falconi,
e percuotere grue, ed alghironi
4iscendere e salire grand’altezza;
ed a Poche ferir per tal fortezza,
che perdan l’ale, le cosce e’ gropponi;
corsier e palafren mettere a sproni,
8ed isgridar per gloria e per baldezza.
E po’tornar a casa, e dir al cuoco:
— To’ queste cose e acconcia per dimane,
11e pela, taglia, assetta e metti a fuoco;
ed abbie fino vino e bianco pane,
ch’e’ s’apparecchia di far festa c giuoco;
14fa’ che le tue cucine non sian vane! —