Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu/168

162 xvi - folgore di san giminiano

X

Settembre.

Di settembre vi do diletti tanti:
falconi, astori, smerletti, sparvieri;
lunghe, gherbegli, geti con carnieri,
4brachette con sonagli, pasto e guanti;
bolz’e balestre dritt’e ben portanti,
archi, strali, ballotte e ballotticri;
sianvi mudati guilfanghi ed astieri
8nidaci e di tutt’altri uccel volanti,
• che fosser buoni da snidar e prendere:
e l’un a l’altro tuttavia donando,
11e possasi rubar, e non contendere,
quando con altra gente rincontrando;
la vostra borsa si’ acconcia a spendere,
14e tutti abbiate l’avarizia in bando.

XI

Ottobre.

Di ottobre nel conta, c’ha buono stallo,
e’pregovi, figliuoi, che voi n’andate;
traetevi buon tempo ed uccellate,
4come vi piace, a piè ed a cavallo.
La sera per la sala andate a ballo,
e bevete del mosto e inebriate,
ché non ci ha miglior vita, in ventate:
8e questo è vero, com’è ’l fioriti giallo.
E poscia vi levate la mattina,
e lavatevi’l viso con le mani;
11Io rosto e ’l vino è buona medicina.
A le guagnèle, starete piú sani,
ca pesce in lag’o fiume o in marina,
14avendo meglior vita di cristiani!