Pagina:AA. VV. – Sonetti burleschi e realistici dei primi due secoli, Vol. I, 1920 – BEIC 1928288.djvu/167


xvi - folgore di san giminiano 161

VIII

Luglio.

Di luglio in Siena, su la saliciata,
con piene le ’ngliistare di trebbiani;
ne le cantine li ghiacci vaiani,
4e man e sera mangiar in brigata
di quella gelatina ismisurata,
istante roste, gioveni fagiani,
lessi capponi, capretti sovrani
8e, cui piacesse, la manza e l’agliata.
Ed ivi trar buon tempo e buona vita,
e non andar di fuor per questo caldo;
11vestir zendadi di bella partita;
e, quando godi, star pur fermo e saldo,
e sempre aver la tavola fornita:
14e non voler la moglie per gastaldo.

IX

Agosto.

D’agosto si vi do trenta castella
in una valle d’alpe montanina,
che non vi possa vento di marina,
4per istar sani e chiari come stella;
e palafreni da montare ’n sella,
e cavalcar la sera e la mattina:
e l’una terra a l’altra sia vicina,
8ch’un miglio sia la vostra giornatella,
tornando tuttavia verso la casa;
e per la valle corra una fiumana,
11che vada notte e eli traente e rasa;
e star nel fresco tutta meriggiana:
la vostra borsa sempre a bocca pasa,
14per la miglior vivanda di Toscana.

I I