Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/85



esauditi. «Nam bonus et rectus Dominus, propterea diriget mansuetos in iudicio, docebit mites vias suas». Lá dove, volendo giudicar le cose divine col discorso umano, saremo abbandonati da Dio, e in questo secolo contenzioso talmente ci accosteremo all’una delle parti e odiaremo l’altra, che perderemo del tutto il giudicio e la caritá, e dimanderemo la luce «tenebre» e le tenebre «luce», e, persuadendoci d’esser ricchi e beati, saremo poveri, miseri e miserabili, per non saper separar preciosum a vili : la qual scienza senza lo spirito di Cristo non si può imparare, al qual sia gloria in sempiterno. Ainen. Di Trento, il primo di gennaro mdxi.iii.