Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/296


XIII. Il medesimo alla medesima 101 XIV. Il medesimo alla medesima 103 XV. Il medesimo alla medesima 105 XVI. Il medesimo alla medesima 106 XVII. Il medesimo alla medesima 108 XVIII. Il medesimo alla medesima 110 XIX. Il medesimo alla medesima 113 XX. Girolamo Seripando a Giulia Gonzaga 115 XXI. Il medesimo alla medesima 116 III. Dalle prediche di Bernardino Ochino da Siena» 117 Proemio 119 Predica I. Che cosa è il giustificarsi per Cristo 121 Predica II. Come el credere che siamo giustificati per Cristo è cosa securissima 125 Predica III. Come la giustificazione per Cristo è ingiustamente perseguitata e falsamente calunniata 129 Predica IV. S’el credere che siamo giustificati per Cristo è invenzione umana o cosa divina 136 Predica V. Donde procede la difficultá, che è nel credere che siamo giustificati per Cristo 140 Predica VI. Come ci giustifichiamo per Cristo e non per l’opere» 144 Predica VII. Del modo che debba tenere el peccatore per giustificarsi 151 Predica Vili. Degli effetti che fa la giustificazione per Cristo» 155 Predica XIV. Della confessione 158 Predica XVI. Delle indulgenzie 172 Predica XVIII. Del purgatorio.176 Predica XXV. Se i precetti umani delli signori temporali obbligano a peccato 180 Predica XXVI. Se li precetti umani ecclesiastici obbligano a peccato mortale 182 Predica XXXII. De’ voti 188 Predica XXXIII. Del voto della povertá 193 Predica XXXIV. Del voto dell’obbedienzia 198 Predica XXXV. Del voto della castitá 201 Predica XXXVI. Delli voti, che si fanno, di digiunare, non mangiar carne, e simili 206 Predica XXXVII. Del voto della clausura 209 Predica XXXVIII. Se quelli, che hanno fatto voto nelle religioni, debbano partirsi per sovvenire al prossimo, massime alli parenti 214 Predica XXXIX. Del voto, che fanno, d’andare in peregrinaggio 218