Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/281



el giorno della Pentecoste da quella virgina congregazione degli apostoli e eletti di Dio fu concetto in spirito. E, si come la Madre di Cristo, concetto che l’ebbe, ascese i monti di Giudea e visitò Elisabet, gravida di san Giovanni, nel parto del quale si sciolse la lingua a Zacaria; cosí gli apostoli, pieni di Cristo e di lume e di Spirito, si elevorno in alto, e, aprendoseli le sacre Scritture, veddeno come la sinagoga era gravida di Cristo, veddeno il parto e se gli sciolseno le lingue de’ profeti, in quanto che veddeno verificate in Cristo le loro profezie. Si come anco Maria Vergine parturi Cristo in un vii loco ed essendo notte, del che gli angeli feceno tanta festa; cosí la Chiesa, gravida di Cristo, nella vile e tenebrosa Giudea predicando, parturi Cristo in spirito nel core degli eletti; onde Paulo: «Figliolini miei, i quali di nuovo partorisco, infino a tanto che Cristo sia formato in voi». E di questa spirituale nativitá di Cristo e regenerazion nostra gli angeli ne feceno grandissima festa, si come Cristo disse: «I pastori anco vennero ad adorare Cristo»; e cosí molti in Giudea, che vigilanti avevano zelo della salute deH’anime, per inspirazione angelica e divina venneno alla cognizione dell’umil Cristo. Di poi si circuncise; quando quelli, che giá avevano Cristo nel core, lassavano tutto, con resecare da sé non solo le cose superflue, imo e gl’immoderati affetti e passioni. Fu presentato al Tempio; quando gli apostoli tanti convertiti per Cristo presentavano a Dio, e da esso per grazia ricognoscevano tutto. Di poi, perseguitato da Erode, fuggi in Egitto; quando gli apostoli, pieni di Cristo, per la gran persecuzione che gli fèrno gli ebrei, lassorno la Giudea come indegna, e si voltorno a predicare alli gentili, e gittorno per terra l’idolatria, si comesi legge negli Alti. Fórno morti 1 ’innocenti al tempo de’ martiri ; quando non prima uno era regenerato a Cristo, che l’occidevano. Ritornò anco in Giudea, al tempo di Paulo; si perse al tempo degli eretici, quando, per le varie opinioni, molti non sapevano quello che avesseno a credere. Si ritruovò nel Tempio; per i concili santi, per li quali col favore dello Spirito santo, per mezzo delle Scritture sacre, si vedde la veritá. Stette come occulto infin al trigesimo anno;