Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/28



approvata questa santissima veritá della giustificazione per la fede, tra’ quali è principale santo Agostino: e nel libro Della fede e delle opere , e in quello Dello spírito e lettera , e in quello delle Ottantatré questioni , e in quello ch’egli scrive a papa Bonifacio, e nel Trattato del salmo ji, e in molti altri luoghi difende questa sentenzia, mostrando che per la fede siamo giustificati senza aiuto delle buone opere, conciossiacosaché esse non sono cagione, ma effetto della giustificazione, e mostra che le parole di santo Giacomo, sanamente intese, non sono contrarie a questa sentenzia. La quale ancora difende Origine nel quarto libro Sopra la Epistola ai romani, affirmando che san Paulo voglia che la fede sola sia bastante alla giustificazione, di modo che l’uomo solamente per lo creder diventa giusto, tutto che non abbia fatto alcuna opera, conciossiacosaché il ladrone fusse giustificato senza le opere della legge: perciocché ’l Signor non ricercò quello che per lo adietro avesse operato, né aspettò che operasse alcuna cosa da poi che ebbe creduto; ma, avendolo giustificato per la confessione sola, l’accettò per compagno, dovendo entrare in paradiso. E eziandio quella femina, cosí celebrata nell’Evangelio di san Luca, ai piedi di lesti Cristo udí: «Li tuoi peccati ti sono rimessi». E puoco da poi: «La tua fede t’ha salvata, va’ in pace». Poi soggiunge Origine: «In molti luoghi dell’Evangelio si vede che ’l Signor parlò di modo, che mostrava che la fede è cagione della salute del credente». Adunque l’uomo è giustificato per la fede, al quale niente giovano le opere della Legge. All’incontro, dove non è la fede, la qual giustifica il credente, quantunque l’uomo abbia le opere che comanda la Legge, nondimeno, perché esse non sono edificate sopra al fondamento della fede, benché in vista siano buone, non possono giustificare colui che le fa, mancandoli la fede, ch’è il segnacolo di quelli che sono giustificati da Dio. Echi sará colui che si possa gloriare della sua giustizia, udendo dire a Dio per il profeta: «Ogni nostra giustizia è come un panno de una femina menstruata?». Adunque è solamente giusta la gloriazione della fede della croce de Cristo. San Basilio nella omilia Della umiltá espressamente vuole che ’l cristiano si tenga