Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/251



blicano, dichiararlo per membro arido e tagliato dalla vera vite Cristo, privandolo della vera vite Cristo, privandolo della cena domenica e del conversare con gli altri fideli. Imo giá si dava, quanto al corpo, in potere del demonio, acciocché lo spirito si salvasse, massime per peccati enormi. Vero è che questa autoritá, concessa giá nella primitiva Chiesa, è cessata, si come anco il dono delle lingue e de’ miracoli. Di poi, escomunicato che era, il che non poteva fare, né può fare se non la Chiesa, l’episcopo lo pubblicava per escommunicato. Questo è offizio suo, non l’escomunicare. Ma nota che la Chiesa non doverebbe escomunicare, se non per peccati pubblici, ché de’ secreti solo Dio n’è giudice, e servare sempre l’ordine che gli ha insegnato Cristo. Escomunicato che l’ha, non debba né può giustamente andare piú lá. I principi e magistrati possono e debbano piú oltre, secondo le loro giuste leggi, punire con incarcerare e altre pene, imo e con occidere, quando sia espediente. E, perché questa escomunicazione è tutta fondata in caritá, però non doverebbe temersi, imo ognuno doverebbe guardarsi di non fare cosa, per la quale la Chiesa di Cristo giustamente l’avesse a escomunicare. Ma, se è tale che merita d’essere escomunicato, doverebbe contentarsene, come di giusto e pio flagello della sua madre Chiesa, la quale col suo sposo Cristo ha solo intento di salvare, e non di perdere, e, piena di spirito e caritá, batte i suoi figli, per far bene ad essi e agli altri loro fratelli. Si truova anche la chiesa d’Antecristo, la quale, per mostrarsi la vera legittima sposa del Figliolo di Dio e potere meglio, sotto specie di bene, ingannare le persone e ingrandirsi, usa anco lei d’escomunicare. Imo non lei, ma li suoi prelati, i quali se la sono usurpata e attribuita a sé, per farsi adorare per dii in terra e servirsene a volontá a loro proposito, però al contrario di quello che doverebbe farsi. E che sia il vero, in prima la Chiesa di Cristo, innocente, santa, piena di spirito e caritá, escomunica i tristi, acciò non corrompino li buoni. Se l’occhio scandalizza, debba cavarsi, e cosí la mano tagliarsi; allora si glorifica nella sua Chiesa il