Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/247



Quanti popoli si sarebbe conciliati la Chiesa romana, se non avesse moltiplicati tanti articoli! e, sai, di cose, che, senza pericolo dell’anima, non solo potevano non credersi, ma non sapersi. L’Evangelio è una rete grande, atta a pigliare tutt’il mondo senza rompersi; e ora n’hanno fatto mille pezzi, con moltiplicare tanti articoli, che non potrai quasi parlare, che non dichino che tu sei eretico. Ma guarda il gran giudizio di Dio, che, volendo fare ognuno eretico, essendo essi ereticissimi e peggio, non credendo in Cristo se non a parole, hanno giá redutto il regno loro a poco, e s’ha da sperare che presto mancará in tutto, si come giá predisse Paulo. Offizio loro sarebbe stato esplicare gli articoli degli apostoli, e monstrare come s’hanno a credere, e non aggiognere de* nuovi, contr’al precetto di Dio, con mettere in oblivione e antiquare quelli degli apostoli. Cristo non venne a fare la sua volontá, ma quella del Padre; cosí la Chiesa, che è sposa sua e a Cristo, come sposa, soggetta, non comanda a volontá tirannicamente, si come ha fatto la chiesa d’Antecristo. Essi hanno sotterrati gli articoli apostolici e divini, e magnificati li loro umani e diabolici. E che sia il vero, hanno fatto un altro Credo e lo chiamano «il maggiore», trovando a loro fantasia un’altra fede; e sai che forse non lo fanno cantare per tutte le chiese, e quello degli apostoli non vogliono si dica, se non in silenzio. L’arebbeno in tutto sbandito, se non fusse che gli pareva scoprirsi troppo. E sai che forse non vogliono che si creda tutto quello che dicono, non per amore, si per forza, come s’el credere fusse in potestá, ed essi avesseno autoritá nel loro spirituale della conscienzia, e ci fusseno signori nelle cose della fede. Contra, Paulo. Giá in un loro concilio determinorno di non moltiplicare piú nuovi articoli, e in ogni modo, contra quella loro determinazione, di nuovo instituirno e ordinorno ch’el si tenesse per articolo di fede che lo Spirito santo procede dal Padre e dal figliolo. E sai che l’hanno tanto moltiplicati, che essi propri non gli sanno; parendogli una troppo aperta pazzia dire che tutti, Riformatori italiani del Cinquecento - 1 . 16