Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/245



altri articoli, secondo loro necessari alla salute, dapoiché gli apostoli non gli veddeno? Se i prelati di Roma avesseno visto questi nuovi articoli contenersi nelle Scritture sacre, e gli apostoli no, bisognarebbe dire, che meglio avesseno inteso le Scritture sacre, e cosí gli Evangeli e l’epistole che san Giovanni, san Paulo, san Pietro, e che gli altri che le scrisseno. Forse dirai, che gli apostoli ebbeno lume de’ nostri articoli. Ma dimmi: se è cosi, perché non gli esplicorno? Vien qua: o era bene esplicargli, o male. Se male, adunque hanno errato i capi della chiesa d’Antecristo a esplicargli. Ma, se era bene, o era caso necessario alla salute resplicargli, e cosí gli apostoli arebbeno peccato gravissimamente a tacere quello che ci era necessario; o era cosa utile, e cosí gli apostoli arebbeno in ogni modo peccato (benché non si gravemente) a non esplicargli, o i capi della chiesa d’Antecristo, in revelarci questi nuovi articoli, sarebbeno stati piú perfetti degli apostoli e piú zelanti della salute dell’anime nostre, benché dall’altra parte arebbeno fatto grande errore a esplicarecegli come necessari alla salute, essendo solamente utili e non necessari; e molto piú arebbeno errato, se erano impertinenti, talché non solamente il credergli, ma il saperli, non serviva alla salute, avendogli essi espressi come necessari. Forse dirai: — È necessario credere tutti li nostri articoli: però, dapoiché sono stati revelati, gli apostoli non n’ebbeno lume. A quel tempo non erano anco revelati; però per salvarsi bastava allora credere quelli primi articoli: ma non basta giá ora che .sono revelati. Né debbi admirarti che la Chiesa abbi ora piú lume delle cose divine che al tempo degli apostoli, perché Dio l’illumina ogni di piú. — E io dico che t’inganni. Dio volesse che la sua Chiesa avesse quel lume di Dio, che ebbe al tempo degli apostoli, imo la Chiesa, che ha moltiplicato gli articoli, è piena di tenebre. Si truova nelle Scritture sacre ch’el secolo nostro è il tempo della grazia, cioè i giorni del Messia, incomminciando da Cristo infino al giudizio, sono chiamati l’«ultimo giorno» e l’«ultim’ora», e la piú illuminata. Non s’ha piú ad aspettare che ci