Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/229



cristiana, la quale è tutta collocata in Cristo. Imperocché, si come Paulo scrisse, chi è senza Cristo, è senza Dio: non lo cognosce a sufficienzia, non l’ha per suo Dio e per ultimo fine; però non ha vera religione, imo è idolatra. Imperocché tutto quello, che opera e paté, è per suo commodo, utile, piacere, gloria, satisfazione, e finalmente per suoi interessi. Talché, se anderai ben considerando, troverai che ha fatto delle creature uno Dio, e che l’adora, e l’ha per ultimo suo fine. Gli ebrei non potevano adorare Dio, se non nel Tempio, in Gierusalem, in figura; ché solamente in Cristo, Tempio di Dio, si può adorare il Padre. Tutta la vera religione adunque è posta in Cristo, talché colui ha piú religione, che con maggior lume soprannaturale cognosce Cristo, e, per Cristo, Dio. Allora si spoglia il vecchio Adamo e si veste Cristo, si rinnuova, rinasce, incomincia ad amare Dio sopra l’altre cose, a confidarsi e sperare in lui, ad adorarlo, invocarlo, onorarlo, a operare e patire tutto con retti intenti a gloria sua, cercando, in ogni modo a sé possibile, la salute delli suoi fratelli. E cosi, secondo la misura della fede che ha in Cristo, diventa perfetto in tutte le virtú cristiane. Oh 1 se avessi visto nella primitiva Chiesa, al tempo degli apostoli, quando uno ebreo o un gentile veniva alla fede e religione di Cristo, aresti visto una mutazione mirabile, gli aresti visti rinascere, e di carnali diventare spirituali, santi, d’ogni virtú ornati, e in veritá religiosi. I frati, monachi e monache, che sono nella chiesa d’Antecristo, non hanno a fare niente colla religione e perfezione delli semplici cristiani della Chiesa di Cristo; imo quelli sono impii e questi pii. Ma dipoi, a poco a poco la religione di Cristo incominciando a declinare, venne Basilio, Benedetto, Agostino e gli altri capi delle religioni umane, e, vistola cosí declinata, si ritrassero con alcuni compagni, non per fare nuove religioni, ma per meglio osservare quella di Cristo. Feceno anche alquante ordinazioni e statuti infra di loro, che servivano a preservarsi e a vivere piú cristianamente; ma dipoi, a poco a poco, incominciorno a legarsi con voti, e a