Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/217



buontá comunicarsi; e in tanto è bontá, in quanto si comunica: però, non comunicandosi, è forza dire, che non è vera bontá. I membri del corpo sono in modo uniti, che, si come scrisse Paulo, ciascheduno ha bisogno di tutti e si servono insieme quanto è possibile. Or cosí proprio è de’ membri di Cristo: l’uomo è nato per essere utile a tutti, ed essi non vogliono essere buoni se non a sé; ma il male è che non sono buoni né a sé, né ad altri. È scritto che, se uno moriva senza figli, il fratello era obbligato a pigliare la sua donna, e vedere di generare figli per lui. E perché Cristo mori senza figli, imo, morendo, tutt’il mondo gli fu inimico; però, se fusseno fratelli di Cristo, non starebbeno maledetti nella loro sterilitá: che di tanti sono rei, di quanti potevano generare a Dio. Non disse Cristo a Pietro: «Se mi ami, serrati in un monasterio»; ma: «Pasce, pasce, pasce le mie pecorelle». I monasteri fúrno trovati per scuole, dove s’insegnava il vivere cristiano; ma a poco a poco n’hanno fatto carcere. E, pensando d’obbligarsi a peccato mortale, fanno voto pubblico e solenne di stare sempre li; simile a chi, volendo imparare a schermire per combattere, si murasse nella scuola, e, se bene venisseno gl’inimici alle porte, non ne volesse uscire. Di questi si può intendere quello che scrisse Paulo: «Sempre imparando, non pervengono giá mai a veritá nissuna». E che vogliono fare delle virtú, se n’hanno, se non l’adoperano, quando è bisogno? Sono tutte superstizioni farisaiche e del demonio, contrarie alli divini precetti, alla caritá, a Cristo, alla grazia, all’ Evangelio e alla cristiana libertá. So che diranno: — Ci serriamo come imperfetti, per preservarci da’ peccati e per fuggire il mondo e l’occasioni del peccare. — E io dico che a tempo me ne contentarci, tanto che ti stabilissi in Cristo; ma per sempre, e legarsi con voto, è una impia pazzia. E che sai tu, se Dio di qui a qualche tempo si vorrá servire di te, a fare qualche opera pia al prossimo? E tu ti leghi e in modo tale, che, se bene Dio ti chiamasse, non lassaresti la tua clausura.