Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/205



a cose impertinenti, o indifferenti alla salute. Sarebbe vanitá, massime perché la legge di Dio sommamente perfetta ci obbliga a suprema perfezione: però è forza fare quello che vuole la legge o mancare, e cosí peccare. Sarebbe adunque cosa vana far voto di fare opere impertinenti, dapoiché tutte sono in sé peccati, non essendo secondo la legge di Dio. Dipoi siamo obbligati, per legge divina e naturale, ad obbedire non solamente a Dio e a un guardiano, vicario, ministro, priore o abbate, ma agli episcopi, e a’ principi, e signori, al padre e alla madre, imo ad ogni creatura, infino alli demòni, quando ci comandano, secondo la legge di Dio. Ma, se comandasseno il contrario, se bene fusseno gli angeli, non si debba obbedire, se ben avessi fatto mille voti d’obbedienzia: però la vera obbedienzia cristiana include ogni perfezione d’obbedienzia possibile. Nientedimeno, sotto l’impio e tirannico regno d’Antecristo, i ciechi e ignoranti monaci, monache e frati hanno lassata l’obbedienzia cristiana e divinissima per l’umana e diabolica. Imperocché in prima si sono fatti esenti dall’obbedienzia de’ principi e signori, ai quali infino a’ turchi sono obbligati ad obbedire dagli episcopi e ordinari, e di piú dall’obbedienzia del padre e della madre, ai quali erano obbligati ad obbedire per legge divina e naturale; e a loro fantasia si sono obbligati a obbedire a uomini estranei, molte volte impii, indiscreti e ignoranti. E, non osservando la legge divina e naturale, si sono andati a loro fantasia immaginando nuovi modi di piacere a Dio in certe frivole, vane, superstiziose e impie cerimonie. E, peggio, hanno pensato per quella loro obbedienzia avere la remessione de’ peccati, e non per Cristo; imo e sommamente meritare, e, dove Cristo ci ha liberati da ogni servitú di legge, la quale opera ira e aumenta il peccato (si come Paulo scrisse, però la chiama «ministra di morte e dannazione»), essi si sono soggiogati a innumerabili precetti umani, e, volontariamente renunziando alla sommamente desiderabile libertá, a noi acquistata da Cristo col prezioso sangue, contr’al precetto di Paulo si sono fatti servi degli uomini, ai quali hanno promesso d’obbedire.