Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/195



e doni, i quali possono essere né buoni e né tristi, e usarsi .jene e male, perché non sono in nostra potestá, e, se ben fusseno, doveremmo usarli in libertá di spirito, secondo che Dio di giorno in giorno c’inspirasse, e non legarci con voto a volontá. Promettere anco cose estrinseche, le quali senza speziale influsso di grazia possono farsi, si come vestire nel tal modo, andare al tal loco, non mangiare de tali cibi, digiunare, dire tanti psalmi, fare tante elemosine e simili opere è male, perché Dio vuole ch’e’ suoi figlioli sieno liberi e che simili opere si faccino o no, secondo che Lui l’inspirará. Offizio nostro è conformarci con la divina volontá, e, stando sempre nella sua vocazione, camminare per quelle strade, per le quali ci chiama, senza legarci con voto nelle cose estrinseche a un modo di vivere, massime perché forse domani Dio vorrá che tu viva in un altro modo. Però è impia cosa, dove Cristo vuole che simili cose sieno libere, obbligarsi con voto a una parte, e farle peccato. Questo è un farsi volontariamente giudeo, ritornare sotto la Legge e illaquearsi. Però simili voti sono contrari alla grazia e all’Evangelio. Lo spirito vuole essere libero, e usare queste cose esterne ad arbitrio suo: però, quando di simili cose io avessi a fare voto, e fusse in mia potestá di seguitare le divine ispirazioni, non vorrei fare altro voto, se non di vivere secondo che Dio di giorno in giorno mi ordinasse. Benché, in ogni modo il voto sarebbe vano, dapoiché a questo sono obbligato per la legge divina e naturale. Sono anco impii, però invalidi, i voti che si fanno di cose che sono contra l’onore di Dio, si come di fare le sue vendette e simili. Immaginarsi anco, si come molti fanno, di poter fare opere piú sante e perfette che quelle che Dio ci comanda, è cosa stolta e impia; imperocché la legge di Dio è si perfetta e alta, che nissuno è nella presente vita, che pervenghi alla cima, non che la passi. Dio nel monte Tabor approbò la dottrina di Cristo, dicendo esso: «Udite», e per Lui ci ha revelato tutto quello che è utile e necessario per la salute nostra. Però disse Cristo: «Ogni cosa, che ho udito dal Padre mio, ve l’ho manifestato». Però è luce