Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/19



vogliono questi che la dia alle loro leggi e constituzioni? Questo onore si dá solamente al suo unigenito Figliuolo; esso solo col sacrificio della sua passione ha soddisfatto per tutti i nostri peccati passati, presenti e futuri, come dimostra san Paulo agli ebrei e san Giovanni nella sua prima epistola; onde, ogni volta che noi per fede applichiamo questa soddisfazione di Cristo all’anima nostra, godemo indubitatamente della remissione dei peccati, e per la giustizia di lui diventiamo buoni e giusti presso a Dio. Onde dice san Paulo agli filippensi, avendo detto che secondo la giustizia della Legge era vivuto irreprensibile, soggionge: «Ma le cose, che mi erano di guadagno, io ho giudicato per rispetto di Cristo esser dannose, anzi giudico che ogni cosa sia danno per la eccellenzia della cognizione di Cristo Iesú signor mio, per lo cui amore ho giudicato ogni cosa essere dannosa, ogni cosa ho in luogo di sterco per guadagnar Cristo, per essere ritrovato in lui; non avendo la mia giustizia, che consiste nelle opere della Legge, ma quella che consiste nella fede di Cristo, la quale giustizia è dono di Dio, dico la giustizia della fede, acciocché io pervenga alla cognizione di lui». Oh parole notabilissime, le quali ogni cristiano dovrebbe scolpire nel suo cuore, pregando Dio che gliele facesse gustar perfettamente. Ecco come san Paulo dimostra chiaramente che chiunque conosce veramente Cristo giudica le opere della Legge dannose in quanto elle sviano l’uomo dalia fiducia in Cristo, nel quale egli deve constituire tutta la salute sua, e il fanno confidare in se stesso. Ed, essagerando questa sentenzia, soggionge che giudica ogni cosa un sterco, per guadagnare Cristo e ritrovarsi incorporato in lui, dinotando che chiunque si fida nelle opere e pretende di giustificarsi con esse non guadagna Cristo, né si trova mai incorporato in lui. E, perciocché in questa veritá consiste tutto lo misterio della fede, acciocché meglio intendessimo quello che egli voleva dire, soggionge e inculca ch’egli rifiuta ogni giustificazione esteriore, ogni giustizia che sia fondata nella osservazione della Legge, abbracciandosi con la giustizia, che dona Dio per la fede a coloro che credono che in Cristo egli ha gastigato tutti i peccati nostri, e che