Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/174



avuto la conscienzia quieta, poiché non hanno mai vivamente creduto che per Cristo gli sieno perdonati, credono ch’el simile sia di tutti. È forza adunque dire che è un’invenzione umana, si come dicono i loro propri canonisti; e, in tal caso, in prima bisognarebbe dire che le persone non sarebbeno obbligate a confessarsi, se non una volta l’anno, cioè nel tempo della Pasqua, perché cosi suonano le parole del loro precetto, al capitolo Omnis. Però, se in altro tempo uno fusse pieno di peccati, infermo e prossimo a morte, e si volesse anco comunicare, non sarebbe tenuto a confessarsi. E, benché questo sia vero, secondo la loro propria dottrina, nientedimeno, per non diminuire l’autoritá alla confessione, non te ’l concederebbeno mai. Ma meglio Dio ha ordinato che gli peccati sieno rimessi per Cristo a quelli che con viva fede l’abbracciano per loro giustizia; e gli apostoli e loro successori ebbeno autoritá d’insegnare questo modo di giustificarsi, non di truovare di loro fantasia nuovi e falsi modi per uscire de’ peccati, con ascondere, imo e dannare il vero modo della giustificazione per la fede. Credi che possino mutare le cose essenziali alla salute e trovar di lor testa nuovi modi da salvarci, massime non ci essendo altra vera salute che Cristo? che a volontá possino obbligare a peccato mortale, e legare le conscienzie de’ figlioli di Dio liberi per Cristo? L’autoritá, che hanno, è in edificazione, non in destruzione, si come Paulo scrisse. Appresso, essendo impossibile recitare tutti li peccati, si come David disse: «Chi è quello che intenda i peccati?», non è stata cosa tirannica a comandare, e sotto pena di peccato mortale, che confessiamo tutti i nostri peccati? Dipoi, come hanno possuto dispensare contro all’immutabile legge naturale, dappoiché è forza che l’uomo infami se stesso, e molte volte con scandalo del prossimo, se ha a dire i peccati secreti? Forse dirai : — Se la Chiesa comanda che ci confessiamo, non abbiamo a credere che la confessione sia santa? — Respondo: quando tu conoscessi bene l’essere e le qualitá di quella Chiesa,