Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/162



d’onorario, in ogni modo a loro possibile gli obbediscono, lo ringraziano, l’invocano ne’loro bisogni, e da figlioli gli hanno quelli respetti che si convengono a si ottimo Padre. Son pieni di tanto amore, che è forza si demostrino di fuore; e, non potendo rendere a Dio l’equivalente a tanti benefizi (massime perché Dio non ha di noi bisogno, si come David scrisse nel psalmo), gestiscono, iubilano, e, non potendo contenersi, si voltano a far bene ai loro prossimi, e per gloria di Dio cercano in ogni modo a loro possibile di far sentire a tutti la gran bontá di Dio, nel modo che la sentono loro. Però predicano V Evangelo a tutti, e operano in benefizio loro, quanto gli è possibile. Imperocché, secondo Paulo, la fede viva è potente ed efficacissima, e opera per amore. Si sentono di poi liberi dalla Legge, ché non pensano giustificarsi per essa, ma per grazia; non operano per imperio di Legge, ma di spirito, né si degnano piú della Legge e de gli precetti di Dio si come fanno i servi, imo si come a buon figliolo è grato ch’el padre gli comandi. Di poi fanno opere mirabilissime per impeto di fede, caritá e spirito, e opere cristianissime, sincere e pure, non per timore di pena o speranza di premio, si come fanno i servi, ma da figli, per gloria di Dio. Sanno che per Cristo giá il paradiso è loro: però operano per superabbondanzia d’amore, senza risguardare a premio e senza timore d’avere a perdere l’ereditá. Imperocché per fede sanno che sono degli eletti, i quali, si come Cristo disse, non periranno in eterno, e nessuno gli può tórre della mano di Dio: nientedimeno s’astengono dal peccare e dall’ingiuriare Dio, per il grande amore che gli portano, e perché, vedendosi figlioli di Dio, si vergognarebbero a far opere non condecenti al decoro de figlioli di Dio, e anche perché sanno che Dio batte piú acerbamente i figlioli quando peccano, che non fa gli altri. Ma l’amore è quello che gli fa operare: però operano senza difficultá. Abbracciano per sue le ricche promesse di Dio e si mortificano a tutte le creature, per il grande amore che portano a Dio, ed anche, perché, vedendosi figlioli di Dio, manca in