Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/16



ritornandoci nella pristina innocenzia e instaurando in noi la immagine di Dio: perciocché, secondo san Paulo, si come per Adamo tutti moriamo, cosí per Cristo tutti siamo vivificati, e non crediamo sia di maggior efficacia il peccato di Adamo, il quale abbiamo ereditato, che la giustizia di Cristo, la qual parimente abbiamo per fede ereditata. Pareva che l’uomo si potesse dolere che, senza sua cagione, fosse nato e concetto in peccato nella iniquitá dei suoi parenti, per i quali regnava la morte in tutti gli uomini; ma ora è tolto via ogni lamento, poiché in quello istesso modo senza nostra cagione è venuta la giustizia di Cristo a noi, e la vita eterna per Cristo, e per esso è stata occisa la morte. Onde san Paulo fa sopra ciò un bellissimo discorso, il qual voglio sotto scrivere: «Perciò, si come il peccato per un uomo entrò nel mondo, e per lo peccato la morte, e cosí a tutti gli uomini venne la morte, perciocché tutti peccarono, conciossiacosaché sino alla legge il peccato era nel mondo; ma il peccato non è imputato, non ci essendo la legge, anzi regnò la morte da Adamo insino a Moisé ancora in quelli che non peccorno alla similitudine della prevaricazione di Adamo, il quale è figura del futuro; ma non come il peccato, è cosí il dono, perciocché, se per lo peccato di uno molti sono morti, molto maggiormente la grazia di Dio e il dono, che procede da la grazia, la qual ci viene da un uomo, Iesú Cristo, abbondò in molti; e non si come per uno, che peccò, venne la morte, cosí il dono, perciocché la condennazione da un delitto procedette a condennazione, ma il dono da molti delitti alla giustificazione; perciocché, se, per il peccato di uno, la morte regnò per uno, molto maggiormente quelli, che ricevono l’abbondanzia della grazia e del dono della giustizia, per la vita regneranno per solo Iesú Cristo. Adunque, si come per lo peccato di uno fu propagato il male in tutti gli uomini a loro condennazione, cosí per la giustificazione di uno si propaga e diffonde il bene in tutti gli uomini alla giustificazione della vita. Perciò, si come per la inubbidienzia di uno uomo molti siano divenuti peccatori, cosí per la ubbidienzia di uno molti diventeranno giusti. Ma la Legge si interpose, acciocché