Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/159



amore di Dio e vivo sentimento della sua bontá: però non sana, ma t’eccita ad andare a Cristo, non per gloria di Dio, ma per tuo proprio bene. E, di questa penitenza parlando Cristo in san Marco, ponendo la penitenza inanti alla fede, disse: «Pentitevi e credete all’Evangelio». Questa penitenza è effetto di Legge, e non di grazia, si come è quando uno si pente, gustato che ha in Cristo la bontá di Dio: si duole, non per sé, ma perché ha offeso una tale e tanta bontá. Bisogna adunque che, per giustificarti, senta in prima i tuoi peccati come ebreo, per i mali t’hanno fatto, cioè che veda che t’hanno tolto il paradiso e che per essi sei dannato; e a questo serve la Legge di Moisé, la quale non solo ti dá cognizione del peccato, come anche fa la naturale, che ti mostra l’onestá della virtú e la bruttezza del vizio, imo ti mostra i danni e le pene nelle quali sei incorso, acciò ti dispiaccino tanto piú. E allora vengono nell’uomo certi spaventi e terrori dell’ira di Dio talmente ch’el peccatore, con timore e ansietá cercando liberarsi, vede che non può per se medesimo, e cosí si dispera delle proprie forze. Non dovrebbe giá fermarsi li, ma umiliarsi a Dio di core, domandare aiuto e respirare a Cristo: imperocché — si come dopo il peccato d’Adamo, il mondo per un lungo tempo cercò giustificarsi da sé, e al tempo della legge naturale e della scritta; nientedimeno, ben ch’el si sbattesse assai, non potè però giustificarsi da sé: bisognò ch’el si disperasse delle proprie forze e per aiuto andasse a Dio; e allora, secondo Paulo, venne la pienezza del tempo della grazia, e fu conveniente che Dio mandasse Cristo: — cosi, quando in te la legge naturale avrá fatto il suo offizio, mostrandoti la bruttezza delli tuoi vizi, nei quali sei cascato, e l’onestá delle belle virtú, delle quali ti trovi spogliato; e cosí anche la Legge di Moisé ti avrá fatto vedere quello che per i tuoi peccati hai perso, e l’inferni nei quali sei entrato; visto anche che per te stesso non puoi liberarti, allora, di te stesso disperato, andando di core per aiuto a Cristo, sará venuto il tempo che Dio ti doni la sua grazia, e allora t’illustrará la mente, e, aprendoti el core, ti fará con viva fede sentire la gran bontá e caritá di Dio in