Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/156



la giustificazione per Cristo sbatte tutto l’uomo per terra, e l’annichila in sé, nientedimeno per grazia e in Cristo el magnifica e ingrandisce piú, che se per se solo si salvasse. Talché i santi sono piú felici in essere salvi per Cristo, che se per sé fussero salvi, e hanno piú da gloriarsi d’essere stati tanto amati da Dio, che per essi ha dato el proprio Figlio in croce, che se con le proprie forze fussero saliti in cielo. E questa è la vera gloria: gloriarci che Dio ci abbia tanto amato, che per salvarci abbia dato il proprio Figlio in croce, nella quale solo Paulo voleva gloriarsi. Non cerchiamo adunque piú di volerci giustificare da noi, acciò non siamo confusi, si come quelli che vòlseno edificare la torre infino al cielo. Ma umiliamoci a Dio, acciocché, per sua grazia facendoci sentire quello che con ragioni umane non si può provare, a Dio rendiamo ogni onore e gloria per Giesú Cristo Signor nostro. Amen.