Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/139



facci fervente, che l’innamorata fede, la quale è sempre piena di tutte l’opere sante, purché possi, e parturisce ogni buon frutto di spirito. Però disse Cristo: «Chi sta in me [cioè per fede], e io in lui [cioè per grazia], or costui fa molti frutti». Se uno ha viva fede in Cristo e sentimento del suo gran benefízio, subito innamorato di lui, fará in un di pivi opere che non farebbe in mill’anni senza fede. Perché l’amor, massime lo spirituale, è pivi potente che non è el timore ne la speranza. Però fará opere mirabili e molte, pure, sincere, immaculate e sante, dove senza fede sono immonde, diaboliche e farisaiche, e al pivi filosofiche. Però chi predica fede predica in prima una cosa che è opera di Dio. Di poi predica caritá, speranza, umiltá, pazienzia e tutte le virtú cristiane, le quali tutte nascono dalla viva fede, che abbiamo in credere d’essere giustificati per Cristo. Similmente predica l’amore del prossimo, l’elemosina, la remissione delle ingiurie, l’orazione, la penitenzia e l’altre buone opere, le quali si fanno per impeto di fede. Però, per fare ogni di piú opere sante, doveremmo cercare di crescere sempre in fede, e questo con gli apostoli domandare, dicendo: — Signore, augumenta in noi la fede — Colui adunque, che predica la viva fede della giustificazione per Cristo, predica opere cristiane, le magnifica e induce a farne assai. Si come ei matrimonio non toglie ii figlioli, imo è mezzo a largii nascere e legittimi, cosí la fede, che fa l’anima sposa di Cristo, non toglie l’opere, imo le fa fare e legittime, cristiane e sante; dove senza fede sono immonde. E questo, perché, in fin tanto che non siamo regenerati e inserti in Cristo, le nostre opere sono frutto di carne e non di spirito. Sebbene lustrano di fuori e sono buone in apparenzia, in esistenzia sono triste. Però dice Cristo: «Quello,che è alto agli uomini,è abbominazione appresso a Dio». Colui, che con fede viva si vede regenerato e figliolo di Dio, si vergogna a peccare e a fare cosa non conveniente al suo alto stato, imo è sforzato d’avere quelli respetti a Dio, che ha el figliolo al padre. E tu dicevi che la fede fa peccare! Imo rapisce l’uomo in Dio, per essere tutto vólto con l’amore a