Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/130



peccati, ed anco li premii? In tal caso la nostra sarebbe una bella giustizia, dapoiché in veritá saremmo impii, benché Dio non c’imputasse le nostre impietá, anzi ce le computasse a virtú e premiasse. Né anco ci giustifica Cristo solo come intercessore col pregare per noi, ma in modo piú ricco, alto, divino, felice e degno. Imperocché Cristo ha presi per suoi li peccati delli suoi eletti, se gli è con somma caritá attributi a sé, per volontá del Padre, si come Isaia scrisse, ed a essi ha satisfatto per noi, talché siamo restati innocenti, non solo perché Cristo se gli è attributi a sé e per essi ha satisfatto, ma anco perché Dio, donandoci el Spirito di Cristo in ne’ cuor nostri, ci ha donato anco l’innocenzia sua; ché chi dona le cose principali dona anco l’accessorie, onde Paulo: «E come non ci ha donato tutto con Cristo?». In modo che, non solo siamo innocenti con l’innocenzia propria, perché senza peccati, dapoiché Cristo gli ha presi per suoi e satisfatto; ina anco perché ci ha donato l’innocenzia sua; talché i giustificati per Cristo possano comparire ’.nanti a Dio con quella faccia e sicurtá come se mai avesseno peccato. Né è bastato tutto questo a Cristo, ché, per giustificarci in piú perfetto modo, non solo ci ha donato la sua purissima innocenzia, acciò possiamo securamente comparire senza peccati inanti a Dio e senza timore d’aver mai a esser rimproperati di peccato alcuno; imo ci ha anche donato tutte le sue virtú, giustizie, meriti, doni e grazie, acciò possiamo ricomparire ricchissimi ed ornatissimi, e tanto piú, quanto che con maggior fede abbracciamo Cristo per nostro. E che bisogna piú dire? Li giustificati hanno el spirito di Cristo, el quale vive in essi; onde Paulo: «Vivo non giá io, ma in me vive Cristo». Talch’el giustificato può stare inanti il tribunale della giustizia di Dio con quell’ardita faccia, ché, Cristo essendo suo membro, non sará chi ardisca d’accusare gli eletti di Dio, si come Paulo scrisse alli romani: «Si sono vestiti Cristo con la sua innocenzia e virtú; però, si come Iacob fu benedetto sotto la veste d’Esaú. cosí essi sotto l’innocenzia e santitá di Cristo, Figliuolo di Dio». Al quale sia sempre onore e gloria. Amen.