Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/127


PREDICA I

Che cosa è il giustificarsi per Cristo. Perché la giustificazione per Cristo è essenzialissima al cristiano e primo fonte di tutti gli altri nostri doni, virtú e grazie, però, d’essa incominciando a parlare, voglio vediamo che cosa è il giustificarsi per Cristo, acciò possiamo rendere grazie a Dio d’un tanto singolarissimo dono. In prima Dio non giustifica l’uomo nel modo che fa molte volte un tiranno, che, essendoli accusato un ribaldo, perché è delli suoi favoriti, lo scusa, el defende, non vuole che sia vero che sia un tristo, se bene è ribaldissimo, e cosí el giustifica in quanto che noi punisce come doverebbe, imo vuole che sia tenuto per uomo giustissimo. Tal giustificazione in veritá è falsa, impia e tirannica. Ma Dio non cosí giustifica el peccatore, ché, essendo giusto ed il suo giudicio retto, si come David disse, «non ci riceve in grazia, stante el peccato in noi, si come fa el tiranno, né ci ha per giusti, essendo peccatori». Né anco ci giustifica nel modo che fa un buon principe, che, essendoli falsamente accusato per tristo un suo suddito, el quale è uomo da bene, e! defende dalle false calunnie con la veritá, e cosí el giustifica appresso il mondo, si come è giusto in sé. In questo modo Dio non può giustificarci, perché non siamo innocenti, ma pieni di peccati. Si trovano anco de’ signori, li quali, avendo errato un loro gentiluomo, perché si pente, senz’altra satisfazione, gli perdonano, e ricevono in grazia, e l’hanno per giusto. Ma Dio non cosi giustifica el peccatore; non che non potesse con la sua assoluta potenzia, ma ha determinato non perdonarci senza satisfazione Né ci giustifica, perché satisfacciamo all’ingiurie, che abbiamo fatte a Dio, imperocché la creatura non solo non può da sé satisfare a un minimo peccato, imo né essere degna che Dio usi con essa una minima misericordia, si come si legge