Pagina:AA. VV. – Opuscoli e lettere di riformatori italiani del Cinquecento, Vol. I, 1913 – BEIC 1888692.djvu/103



X Giulia Gonzaga a Pietro Carnesecchi Smentisce la voce della sua fuga nei paesi riformati, pur conoscendo le poco buone intenzioni di Paolo IV nei riguardi di lei. Mi ha detto donna Giulia che mai è per seguire Morone ed il papa. Faccia Dio quello che li piace, perché lei non è per fare mutazioni fondate sopra immaginazioni; ché son cosi facili gli uomini ad ingannarsi, e poi son molti diversi; e teneria tanto piú conveniente seguire una cosa per opinione, come farne un’altra contra quello che Dio proprio l’aspirasse. E non mi ha detto altro, se non ch’è piú tempo ch’essa sa la poca voluntá di Sua Santitá. Ed il Cardinal Carafa ed il papa hanno torto senza dubbio, al parer mio, non lassare di scrivere per conto nullo. Napoli, 21 maggio 1558. Kijorinalcn i del Cinquecento - I. 7