Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/73


cantare primo 67


24
E Liombruno disse: — Volentieri! —
E quella donna, sí bella e gradita,
innanzi ch’ei partisse a tal mestieri,
ben quattro dí fe’ far corte bandita,
e ’l fece fare ancora cavalieri:
fecegli cinger la spada forbita.
E, fatto questo, si prese commiato;
e «messer» Liombruno era chiamato.
25
Avea d’andar giornate quattrocento
innanzi che in suo paese arrivasse;
ma quella donna per incantamento
si ordinò ch’egli s’addormentasse;
a l’arte fe’ da poi comandamento
che in suo paese tosto lo portasse.
La sera Liombrun s’addormentòe,
la mattina al paese suo arrivòe.
26
E, quando venne su l’alba del giorno,
si fu allor Liombruno risvegliato,
rizzossi in piedi e guardossi da torno
e ’l bel paese ha ben raffigurato.
E Liombrun, quel cavalier adorno,
umilemente Dio n’ha ringraziato
ed a l’anello grazia egli chiedia:
ciò che ’l comanda, tutto gli venia.
27
Per la virtú ch’aveva quel anello,
in prima sí ei richiese un buon destrieri;
di vestimenta poi ’dobbato e bello,
come bisogna a ciascun cavalieri;
una valigia poi appresso a quello,
fornita di fiorini a tal mestieri;
e gente gli chiedeva senza fallo:
assai ci venne a piedi ed a cavallo.