Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/379



non sará quello ; M fará quello che ’1 patrimonio — 5 U se ciò torna — 6 M asperamente lo —7 UE d. B. disse—8 U collei i’ credo qui menare — L, 1 U si l’á — 2 U si partio — 3 U e coll’ambasceria ; M tanto effetto — 4 U che lui seguio —5 U Nel t. canto — 8 g onor dett’è questo c. ; U Antonio Pucci rimò questo cantare — In M. f vv. 7-8 sono: e come alfine per gratia di Dio | a ogni suo voler la convertio. Terzo cantare — t U qui guidato — 5 U chio possa dire come; M si come è cornine. — 6 U gente questa storia ; E dar vettoria — II, 4 U da — 5 E oramai —6 U orribilmente; K comparisce — 7 UE Roma parea che tremasse — 8 K choli... mollasse ; E tonasse — III, 2 E con tutta; M chompagnia — 3 M furono davante — 4 E allegrezza che fan — 5 U si furo — IV, 3 U Costui; K Ansatone; M un Ans. — 4 U agnolo par — 7 U e dismontó sempre con donna — 8 U appresso; E va appresso — V, 1 U quando il re — 5 U montòro a cavallo e andaro tanto ; M e furon mossi a cavalcare tanto — 6 U furon — 7 E iscesi ; U montar la— 8 E tro- varom — VI, 1 UE’nginocchiato gli si fu al piede—3 E quando si bello — 4 K sei; M signor mio —6 U se piace a te, contento ne son io; EK se tu t’appaghi tu son content’io — 7 U ed e’ risp. — 8 E vostro son io; M piú lieto sono che fussi mai persona — VII, 1 U asse chiamò — 2 EU isposo — 3 UM [che] — 4 U bianco lo vede chome la spera e sole — 7 K son piú; E son piú che cont. — Vili, 1 E tenendo — 2 M duchi e re — 4 M che rilucevan piú — 5 U e ben valean piú di cinque — 6 U che fosse ’n que’ — 7 U e tanta festa se ne fece ’n R. —8 U di che... se ne noma ; KE sona. — In K mancano le ott. IX e X — XI, 3 U novel — 7 E come fa — X, 2 EUM verginitade, ma il verso cresce — 3 U il m. di fatto è; EM e di che matr. — 6 U mei — 8 U e seco tien — XI, 1 U quando — 3 U il piglia sanza; M il pigliaron e; — 3 E di p. in zambra si l’ebber; U e colla sposa in cam. è serrato —4 U ell’andò a letto dov’ha disiato — 5 U poi che dentro con lei fu riserrato; M che fu con lei dentro; K lui — 7 U voi; M signor—XII, r U Quando il — 2 EM io vo fare a Dio; U perch’io vuo fare — 5 M poi che con questo mi convene; E poi che mi convene in tal modo — 7 M perché insino a ora son vergine istata; U poi che Ila v. t’ho observ. — XIII, 1 U tutta — 2 EM dall’altra proda— 3 K fatto a la dura — 4 M troppo hai ; U assai tu m’ hai; ma qui il «voi», altezzoso e corrucciato, sta assai meglio del «tu» — 5 M ti — 7 U anco per ingenerare e ffar— XIV, 2 M ingniuna; U nessuna —3 U son quello che t’aggio; E quella — 4 U contare — 6U Fattura fu di donna Berta mia — 7 U dicendo; E Sorella mia, uomo io non sono — 8 EM ma degna di morir cheggio — XV, 1 U disse acciò che; EM ciò che — 4 M credette ; E fatto in breve. — 7-8 E e poi le disse quella donna bella: — Non pianger piú che sarò tua sorella—XVI, 3 U e questo fatto — 4 U a tutta la lor vita allor — 5 U con poco; M e un poco dim. — 6 K a quella ; U e ’n c. tornato dov’era la gente — 7 E la qual era ita tutta notte dintorno; U li quali erano iti tutta notte din. — 8 U poi si levaron —