Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/376



per lo suo correva — 8 M e’ non è mer. — XXIX, 2 M turchi neri a piè; E turchi a piè e piú dintorno — 3 M capo sopra una; E sunn una; U avea una — 4 U con istendardo ch’era — 5 U e ver.; E che veram. — 6 E fa bisogno — 8 U che sará — XXX: in U e Bon. i vv. sono cosi disposti: 1-2-5-6-3-4 — 3 U e riguardando la sua — 5 E delle; EM eh’ognuna parea — 6 EM angeli di paradiso senza — 7 EM l’un col- l’altro— XXXI, 1 U dismotò; E dismontava — 3 EM con mille turchi montò — 4 U però eh’ a torto — 7 U gittandolisi a piedi chon umiltade 8 UE che cotn. — XXXII, 3 U e tutto laltra — 6 M ch’io non com- misi — 7 EM e ’m vita — XXXIII, 1 M i’ prendo — 2 E etterna — 4 U uscire; E debbin; M debon — 5 U disiando ciò mi pare stare — 7 U chero — 8 E ma spero aver l’altra vita gioconda — XXXIV, 1 M ora eh’ io — 3 M quella fu sola alza i panni — 4 U li mostra — 5 M dicendo — 6 E con questo ho fatto — 7 U sulle carni un ferro — XXXV, 1 U Levossi su — 2 E che gratia; M santa donna; U chieri — 4 M dicendo a quello: Iddio; E per cui mi ; U a cui mercé — 5 U dicendo padre — 6 E a piè de’ ; M presso a’ — 7 M di tal chiesta; U Quand’ebbe ella di ciò la voglia — XXXVI, 1 U io voglio; E i vo’; M santo padre — 2 U mel — 3 U con — 5 U il papa disse: Donna or ti procaccia; E papa — 6 M arai di corto; U del ventre tuo tosto avrá la preda — 8 U [adj — XXXVII, 6 U e’ tornò arrieto — 8 U di c; E sopra la guardia destro— XXXVIII, 4 U ella non prenda — 7 M e c[i]ò vuol fare per—3 M el periato — XXXIX, 5 M che quando — 7 M del — XL, 1 U come voi sapete; EM come sapete davante. Ma «davante» non ci si è detto nulla — 2 U sett. con tremila secento; E cento sessanta con mille dugento; M sessanta sei con semilia davanti — 3 U ellegion — 4 U sarebbe — 6 E n’avrie — XLI, 1 U egli disse — 2 U loro a tutti quanti i freni ; E e gli altri arnesi ; M e sua arnesi — 3 E fa che lo sq. — 5 U che t’inganni — 6 U ciò non pesi — 7 E alquanti di voi procuri sua — 8 M se questa guerra — XLII, 1 U il — 8 U tosto l’ebbe — XLIII, 1 U disseli: se dama — 2 U damor — 4 Bon. che’n tanti; tutti i mss.: «con» — 5 M vorete — XLIV, 1 E seguir la sua — 3 U madre mia io muoio — 4 U reina io sono ; E reina si m’á — 6 U in questo palagio ; EM sare’ sanicato — XLV, 2 U settantadue — 3 Bon. salutolla — 6 U non facessi meco ; E facessi teco — 7 MU sospirò — 8 U e disse : Io vi verrò — XLVI, 1 EM e ord. — 3 U siate — 4 E a seguir me se bisogno n’ avronne — 8 EM [a]; U qual, feria si gli. — XLVII, 2 M le si — 4 [che] ; U di ciò nel viso tutta — 6 E in zambra; M lerece — 8U vuole — XLVIII, 2 U la camera; EM che n’eran prima — 3 M ma sempre stavano — 5 M tutti andaro ; U allor si ficcaro — 6 M sospinsofn] — 7 U levassin — XLIX, 2 M non sapete levar — 3 E è tra voi n. ; M uno si buono che — 5 U corre- vano se.; E baroni; EM quei balconi — L, 1 E in su quel punto fu — 3 M e allo imp. sulla —4 M le die’ un colpo che cade istram.; E die’ tal che morta cade istrangosciata ; U cadde morta — 5 E e secondo chel cantar manifesta — 7 EM scapitò.