Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/369



rimangono sulla c. 49 a che le ultime 4 ottave, che furono edite se- condo questa lezione da M. H. Jackson nella Romania, XXXIX, 322. Il testo R fu pubblicato nella seg. ediz.: Madonna Lionessa, cantare inedito del sec. XIV\ aggiuntavi una novella, del «Pecorone * [per cura di Carlo Gargiolli], Bologna, 1866; nella Scelta di cu- riositá letterarie , disp. LXXXIX. Accurata edizione, ma imper- fetta perché anteriore alla scoperta del cod. K e deturpata da spiacevoli errori di lettura e di interpetrazione. Naturalmente, preparando questo libro, io ho tenuto sott’oc- chio non solo l’ediz. del Gargiolli (G), ma anche i due ms. R e K, dei quali indicherò le varianti piú notevoli: II, 3 R con qua—4 (Destrieri — IV, 2 R alla reina chella il sacho- rese — 6 di[ss]e — 8 i[l] re — V, 2 che[d] — 7 RG a l’altra — VI, 7 RG percossomi tosto—VII, 1 RG un tanto -7 G diede — 8 RG mi- sogli — Vili, 3 R (ri-)tornando — 7 R (ed) e’ — IX, 8 (ella) il fe’ — XI, 7 R ella si stingua — XII, 7 R e[gli] — XIII, 7 RG dinanzi — XIV, 7 R fatti — XV, 7 R [le] leggi — 8 istriti — XVI, 2 R affetto — 6 il (suo) distretto — XVII, 2 RG rauno libri some ben dariento (1) — XVIII, 8 R su[r] — XX, 8 R i[l] re — XXI, 2 R co[l] re — 4 (s;i smontò — 6 cominciarono a salutarllo — XXII, 6 R tanto [ha l’jaspetto — XXIII, 4 RG e[d] i — XXIV, 2 R sapere — 3 chell[i ha ’n] — 8 (si) menò — XXV, 6 R ta[l] — 8 G comperai — XXVI, 6 R [assolver] — XXVII, 3 R cierta(na)mente — 8 (e) Salam. — XXVIII, 4 R [mai] — XXIX, 1 R partito fue — 2 onteso — 7 (questi) vi manda — XXXI, 4 R e[d] a — 6 [a lui] — XXXII, 6 R [gli] — XXXIII, 4 R rispose[gli] — XXXIV, 3 GR come — XXXV, 1 RG cha — 5 RG e[d] una — XXXVI, 1 R chavaleando — XXXVII, 4 R undalulato — XXXVIII, 4 R i[n) Dio — XXXIX, 5 G per cura — XL, 8 RG nel[lo] — XLV, x R (in) sulla — XLVI-XLiX: di queste quattro ott. abbiamo il testo apo grafo X — XLVI, 1 RG e poi dicea: — a — 3 R avere — 5 R edel disse : deh — XLVII, 1 RG. Quando fue — 2 con alieggrezza n’andarono a — 3 et a braccio — 4 tutta la notte istettero — 5 K il giorno — 6 RG ac- comiatava che a loro ebbe detto — 7 i’ vado — XLVIII, 1 RG contento di partir— 2 si rimuta sua g. — 3 e secondo ch’io trovo nelle carte— 5 lettere scrisse poi in ciascuna parte — 7 ne vo io — 8 al ni potente — XLIX, 3 RG Infítto che col marito suo vivette — 4 feciono insieme lunga e santa — 6 poi ebbon — 8 K fieri — I vv. 7-8 sono in RG: il qual conciede a noi il Creatore | Questo cantare è detto al vostro onore. (1) Muto «d’ariento» in «trecento», perché nell’ott. xlix si parla della restitu- zione dei libri, ma non delle some d’ariento.