Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/368



La difficoltá della forma perifrastica «ho a tenere», terrò, si risolve col confronto del passo analogo: * hanno averlo morto», uccideranno (XXIV, 4)— LVIII, 6 diciendo — LXI, 3 (gran) magnificienza. Vili II cantare di Bruto , che si pubblica qui per la prima volta, si trova a cc. 25 a - 27 a del celebre codice Kirkup (A), donato recen- temente dal Collegio di VVellesley al nostro governo, e da questo depositato nella B. N. di Firenze. Nel riprodurlo ho eseguiti al- cuni ritocchi; ecco le varianti di K : II, 5 chi sia — V, 5 apreso; — 8 so scrisse [’n] — VI, 1 io dico — 8 che [’n] — VII, 2 a[spri] — 7 sieristte — Vili, 7 dedime — 8 te — IX, 2 contoe — 3 [n’jandava — 4 chotale — 7 odimi — X, 3 quello — 6 sai— 8 chonvie — XI, 2 selghuanto delucciello nona — 3 qualguanto — XII, 2 nom(in)ar — 6 chovenenza — XIII, 6 i suo — XV, 4 [poi] — XVI, 1 giovane — 7 (gli) arnesi — XVII, 2 [che] credi — 5 [a]dirato — XVIII, 4 i[n]su — 6 gu[e]rra — 8 abbatte(va) — XIX, 1 glochante — 6 giogieva — XXI, 2 agmendue — 8 pontò — XXII, 7 [si v’]avea messa — 8 piene — XXIII, 8 et fu si puoto — XXV, 4 chevu — 7 Eprutto... valle — 8 (e) poi — XXVI, 8 stecho — XXVI, 6 che perchio mangi no mancha su stile — XXVII, 2 chore tanbonda — 3 iposibole — 4 che tavola — 5 chaper... può — 6 non cierchonda — XXVIII, 2 [ancora] — XXXII, 5 rnuia—7 te[m]pesta;— 8 i[n]su — XXXIII, 2 velato (ave’n alto) — XXXIV, 6 doveglie mamena — 8 dovegli il tolse il tolse (sic) — XXXV, 2 levaro (no) — 3 [in] nessu[n] —5 ed [egli] — 8 [a] domi — XXXVI, 3 pu[n]gie — 6 ’l guanto e fu lasciato ire — 7 dadici — XXXVII, 7 so[n] vi...alte — XXXVIII, 4 i[l] re con tanta novitade — 6 bingitade — XXXIX, 8 ciá — XL, 7 contastare — XLI, 4 chogli altra avanza — 7 [si] furono amendue — XLIII, 1 ricordo — 3 dichelrinvichorisse erinsanora — 8 enciselo — XLV, 3 [incignato. IX Il cant. di Mad. Lionessa è contenuto nei due codici: > A . — Riccard. 2873, c - 103-117 b. 11 testo di questo manoscritto è molte volte guasto e scorretto ; ma si dovrá ritoccarlo con grande cautela, data l’autoritá di questa cospicua raccolta di cantári. K. — cod. Kirkup, c. 49 a. Prima di questa carta, ne mancano •5 (34-48), che dovevano contenere i cantári di Apollonio di Tiro, 111 (ott. 5-58), IV, V e VI, e le ott. 1-45 di Mad. Lionessa. Non