Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/349



Nel testo del Rajna sono omesse quattro ottave (xcvi-xcix), che paiono spurie. Le riproduco qui dalla copia del codice D’Adda, che il R. mi ha comunicato: [96] Leta la letera, lo bon miser Galvano el fato li consonò e molto li piaze. A vui dico, signori, a chi altro leto non ano, di questo parentado ve dirò veraze, di queste do sorele che mentoano lo autore nostro, che fo tanto audace; fide bastarde de lo re Apandragone, di queste do sorele fo la condizione. [97] Pandragone de lo alto re Artus fo pare, come dize l’instoria e ’l vero chanto; queste duo fie naque d’un’altra mare in modo de avolterio in quelo canto, sorele de re Artus fo, zò mi pare, per padre ve dicho solamente tanto; la Dama di lo lago fo chiamata, Lanziloto costei ebeno nodrigata. [98] El savio Merlino costei feze morire, la qual lei chiuxe dentro al molimento esendo vivo, la sua instoria ano a dire, de la sua fine non sepe veder lo partimento. Innamorato di ’sta dama era quel sire, ma a lei lo suo amore non li fo in talento. Costei era savia e gran incantatrice; vivo nel molimento serò Merlin, zò se dize. [99] De la fada Mongana costei fo serore d’un padre e madre nate veramente; lo suo parentado vi ò dito in ’st’ore; ritorno a l’instoria di presente. Miser Galvano stava di buon cuore, leta la letera, che fo tanto sazente; amaistrato da la Ponzela gaia, hobedire la vuole e piú non abaia.