Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/34

28 i - il bel gherardino

44
E lo Bel Gherardino niente tarda;
coll’arme bianca uscie della trabacca.
E la donzella, che da lunge il guarda,
che correndo il cavallo venne in stracca,
fra l’altre dice, di color gagliarda:
— Questo soldano ci è omai per acca,
ch’io veggio il cavalier, ch’è cosí franco,
a lo stormo tornar vestito a bianco. —
45
Come a lo stormo il Bel Gherardin giunse,
riconobbe il soldano a l’armadura,
e ’l buon destriero degli sproni punse:
abbassa l’asta e inver’di lui procura,
e co’ la lancia in tal modo l’aggiunse,
che il fe’ cadere in su la terra dura.
E, qui ismontando, di franchezza giusto,
e’ tagliolli la testa da lo ’nbusto.
40
E rimontò a cavallo arditamente;
piú presto che non fu giammai levriere,
innanzi li fuggia tutta la gente,
gridando: — Viva il franco cavaliere! —
Cosí del campo rimase vincente,
come il lion, signor de l’altre fiere.
Incoronato insieme fue co’ lei,
con tal onor che contar nol potrei.
47
Po’ ch’a la Fata ebbe dato l’anello,
gran festa fae che l’hae ricognosciuto
E la scrocchia diede a Marco Bello,
ed hallo sempre con seco tenuto.
E quella del soldan diede a un donzello
di gran legnaggio, cortese e saputo;
e novanta anni vivette signore.
Questo canto è compiuto al vostro onore.