Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/287


32
Ed ella si pardo lietamente,
poi ebbe Macometto ringraziato;
e quel dimonio giunse in Oriente,
ch’agevol cosa gli era esserv’andato.
Perché sappiate di suo convenente,
i’ vi dirò com’egli era adobbato:
forma avea di giogante, sua grandezza
quindici braccia e quattro di grossezza,
33
ed era tutto ner come carbone,
gli occhi avea rossi come foco ardenti.
E cavalcava un orribil roncione,
sei braccia grosso e lungo piú di venti.
Quattro leon legati avie a l’arcione,
e un’anca, di dolor, mordea co’ denti
semila porci all’intorno, con zanne
fuor della bocca piú di quattro spanne.
34
E come fu nella cittá reale,
e que’ porci si sparser per la terra,
la gente fuggia su per le scale,
e per paura in zarnbra ognun si serra;
e’ porci divoravan per le sale
ciò che trovavan, se ’l libro non erra.
Uomini e donne erano sbigottiti,
e molti per temenza son luggiti.
35
Giugnendo in piazza l’orribil giogante,
lá dove molta gente armata avea,
perché egli avea si feroce sembiante,
sbigottiva chiunque lo vedea.
Giudicandosi morto, il re davante
gli venne e dimandòl quel che volea;
ed e’ rispose: — lo sono un de’ Balbani
di Macometto, iddio degli romani,