Pagina:AA. VV. – Fiore di leggende, Cantari antichi, 1914 – BEIC 1818672.djvu/161


40
Pensando, il duca no’ gli parea giuoco.
La notte ’l fe’ pigliare in nel suo letto,
e nel palagio suo, in uno loco
imprigionar lo fe’, senza difetto.
E la duchessa d’amor prese fuoco,
com’ella in prigion vide il donzelletto.
E ’l duca, che sua morte avrá da esso,
per gelosia lá si recò, da presso.