Pagina:'O luciano d"o Rre.djvu/99



OTTAVA 43.ª

Se nchiummaì : vi piombò, vi rimase, perché il male

aggravava ; da nchiummare, nchiummarse, fermarsi osti' natamente in un posto , cadervi pesantemente come il chiummo, piombo. Pel verso 4° e seguenti cfr. gli storici. Il Re disse testualmente - Che " Truvatore „ e " Truvatore ! „ Voglio sentì " don Checco ! „ Me voglio di- vertì - Per altri particolari, vedi Bernardini, /. e.


OTTAVA 44.ª

nzagnatore, il flebotomo, un tal Marotta, che cavò sangue al Re. Il dott. Giuseppe Leone, chiamato in fretta, curò il Re tutto il tempo in cui S. M . stette a Lecce ; e lasciò un giornale della malattia , pubblicato dal Bernardini nel suo Ferdinando II a Lecce. Miccia miccia, lenta lenta, insistente. Freva, febbre.


OTTAVA 45.ª

Il medico di corte dott. Ramaglia giunse giorni

dopo a Lecce col suo giovane aiutante Capozzi che fu poi l'insigne scienziato senatore Capozzi.