Pagina:'O luciano d"o Rre.djvu/96

96 Note


’E ddete ’e fierro, le dita irrigidite, divenute come di ferro, pel freddo.

Ventecate, colpi violenti di vento. - Raffiche.


OTTAVA 33.ª

’O battitore, il battitore, la staffetta. Ritornata sui suoi passi comunicò infatti al Re che la via era assolutamente impraticabile. Cfr. gli storici citati.

’O barone Anzano. Il barone Anzani ed il fratello persuasero il Re a fermarsi ad Ariano. Ed avevan preparato un lautissimo pranzo, al quale però il Re non fece onore.


OTTAVA 34.ª

Il particolare curioso delle scarpe di raso con le quali la Regina dovette fare circa un miglio a piedi è anche in Bernardini, Ferdinando II a Lecce.


OTTAVA 35.ª

Calimma, calore.

Zuzzimma, (al 5.° v. dell’ottava) sudiceria, porcheria. Pel contenuto di tutta la strofa, cfr. gli storici.

’A bbona ’e Ddio, come Dio vuole, alla buona.

Votta e magnammo. Espressione popolare comunissima e frequentissima che completa la precedente: