Giovanni Prati

Olindo Malagodi 1876 Indice:Prati, Giovanni – Poesie varie, Vol. II, 1916 – BEIC 1901920.djvu sonetti Ozio Intestazione 23 luglio 2020 25% Da definire

EPUB silk icon.svg EPUB  Mobi icon.svg MOBI  Pdf by mimooh.svg PDF  Farm-Fresh file extension rtf.png RTF  Text-txt.svg TXT
Monello In che?
Nuvola apps bookcase.svg Questo testo fa parte della raccolta XIII. Da 'Psiche'
[p. 213 modifica]

LXXVI

OZIO

Lume ed amor degli eleganti achei,
Ozio, t’invoco: nel mio picciol lare
penetra, e sali sul fiorito altare,
e presiedi a le celie e a’ sogni miei.
Vedrem le ninfe, i satiri, gli dèi,
Argo, Atene, Corinto e d’Ega il mare,
l’Asia, i califfi, le burgundie gare,
le franche giostre e gl’itali tornei.
E incideremo in tavole di rosa
le allegre fantasie dell’intelletto:
che Certaldo di noi non si vergogni.
Ozio d’EIlenia, a me vicin t^ posa,
e dileguiam, sognando. È gran diletto
vanir su l’ala dei ridenti sogni.