Odi (Parini)/Le nozze

Le nozze

../La tempesta ../La caduta IncludiIntestazione 11 luglio 2013 75% Odi

La tempesta La caduta

 
E pur dolce in su i begli anni
De la calda età novella
Lo sposar vaga donzella,
Che d’amor già ne ferì.

In quel giorno i primi affanni
Ci ritornano al pensiere: 5
E maggior nasce il piacere
Da la pena che fuggì.

Quando il sole in mar declina
Palpitare il cor si sente: 10
Gran tumulto è ne la mente:
Gran desìo ne gli occhi appar.

Quando sorge la mattina
A destar l’aura amorosa,
Il bel volto de la sposa 15
Si comincia a contemplar.

Bel vederla in su le piume
Riposarsi al nostro fianco,
L’un de’ bracci nudo e bianco
Distendendo in sul guancial: 20

E il bel crine oltra il costume
Scorrer libero e negletto;
E velarle il giovin petto,
Ch’or discende or alto sal.

Bel veder de le due gote 25
Sul vivissimo colore
Splender limpido madore,
Onde il sonno le spruzzò:

Come rose ancora ignote
Sovra cui minuta cada 30
La freschissima rugiada,
Che l’aurora distillò.

Bel vederla all’improvviso
I bei lumi aprire al giorno;
E cercar lo sposo intorno, 35
Di trovarlo incerta ancor:

E poi schiudere il sorriso
E le molli parolette
Fra le grazie ingenue e schiette
De la brama e del pudor. 40

O Garzone amabil figlio
Di famosi e grandi eroi,
Sul fiorir de gli anni tuoi
Questa sorte a te verrà.

Tu domane aprendo il ciglio 45
Mirerai fra i lieti lari
Un tesor, che non ha pari
E di grazia e di beltà.

Ma oimè come fugace
Se ne va l’età più fresca, 50
E con lei quel che ne adesca
Fior sì tenero e gentil!

Come presto a quel che piace
L’uso toglie il pregio e il vanto;
E dileguasi l’incanto 55
De la voglia giovanil!

Te beato in fra gli amanti,
Che vedrai fra i lieti lari
Un tesor, che non ha pari
Di bellezza e di virtù! 60

La virtù guida costanti
A la tomba i casti amori,
Poi che il tempo invola i fiori
De la cara gioventù.