Apri il menu principale

Notizie storiche e statistiche intorno alla biblioteca Forteguerri di Pistoia/Opere d’arte di proprietà dell’Instituto Forteguerri

Opere d’arte di proprietà dell’Instituto Forteguerri

../Pubblicazioni periodiche che entrano nella Forteguerriana ../Catalogo della Forteguerriana IncludiIntestazione 22 giugno 2017 100% Da definire

Pubblicazioni periodiche che entrano nella Forteguerriana Catalogo della Forteguerriana
[p. 12 modifica]

Opere d’arte di proprietà dell’Instituto Forteguerri


Fanno parte del patrimonio appartenente all’Instituto Forteguerri le seguenti Opere d’Arte

I. Una statua in marmo rappresentante il Cardinale Niccolò Forteguerri in atto di pregare ginocchioni, opera di Lorenzo Lotti, detto il Lorenzetto; la quale doveva figurare nel Cenotafio erettogli nel Duomo di Pistoia. In una lapide di marmo sottoposta alla nicchia in cui è situata la statua sono incisi i seguenti distici.

Ille ego sum patriae verus pater, ìnclita virtus
   Tyrrenae gentis gloria et Italiae.
Surgit in immensum totum mea fama per orbem
   Qua viget et notura est nobile Pistorium.
Quodque haec aeternum pateant gymnasia Musis
   Sunt quoque donata et munere structa meo.
Denique Nicolaus sum Fortiguerra, Galero
   Qui sacro irradians progeniem decoro.

[p. 13 modifica]

II. Un busto del Nazzareno in terra cotta, opera d’Agnolo di Polo, scolare del Verrocchio;

III. Quadro in tela a olio del sec. XV rappresentante il Riposo in Egitto, in cornice intagliata e dorata;

IV. Quadro in tela a olio della scuola di Leonardo, rappresentante la Vergine col bambino, in cornice intagliata e dorata;

V. Quadro in tavola, a olio, de’ primi del sec. XV, rappresentante Messer Cino da Pistoia, in cornice dorata. Sotto al ritratto si leggono i seguenti distici.

Hic ille est Cinus toto celebratus in orbe
   Hic patriae, Juris, Pieridumque pater.
Bartolus hoc fulget, fulget pariterque Petrarca,
   Attamen hic toto fulget in orbe magis.

A tergo vi si legge Ritratto antichissimo che era nella Canonica di S. Ilario parrocchia di Cino, donato dal Curato Mannucci.